partecipiamo.it

Statistiche

Visitatori: 386703
Turismo
Stazione Termini PDF Stampa E-mail
domenica 05 febbraio 2012
stazione_termini.jpg

La Stazione Termini è situata sul colle Esquilino, a Roma.

La Stazione di Roma Termini è il più importante scalo ferroviario d’Italia, e il secondo in Europa, dopo Gare de Paris Nord, per traffico di passeggeri.

Il nome ‘Termini’ è dovuto alle antiche Terme di Diocleziano, quindi il nome non significa ‘meta finale’ o ‘fine del viaggio’, come è solito pensare.

Il progetto della Stazione Termini è stato presentato a papa Pio IX nel 1860 e fu inaugurata nel 1863, con il nome ‘Stazione Centrale delle Ferrovie Romane’.

Pochi anni dopo, nel 1867 la stazione venne ulteriormente ampliata.

Nel 1939 si decide di dare un ‘volto’ più moderno alla Stazione Termini e iniziarono i lavori di ristrutturazione, ad opera di Angiolo Mazzoni, che aveva studiato per l’opera un avancorpo monumentale con un porticato imponente e un atrio di 12mila mq, completamente vuoto, con l’unico scopo della suggestione.

Tuttavia, a causa della partenza dell’architetto Mazzoni per la Colombia, insieme con lo scoppio della guerra, i lavori dovettero essere interrotto.

Con il finire della Seconda Guerra Mondiale si decise di indire un concorso per il completamente della ristrutturazione della stazione. Il concorso venne vinto nel 1947 da Montuori e Vitellozzi che si misero subito all’opera.

La stazione così come la conosciamo oggi venne inaugurata il 20 dicembre 1950 dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi.

Il 23 dicembre 2006 con una cerimonia ufficiale, la Stazione Termini è stata dedicata a papa Giovanni Paolo II.

La stazione ha una superficie di 225.000 mq ed è frequentata da circa 150 milioni di persone ogni anno, con 850 treni in arrivo e in partenza dalla stazione ogni giorno e 480.000 passeggeri al giorno. La stazione Termini è la più trafficata stazione d’Italia e tra le prime tre in Europa.

 
I sette colli di Roma PDF Stampa E-mail
Scritto da Rosanna   
domenica 06 aprile 2008

7_colli_schizzo.jpgI sette colli di Roma, tutti ad est del Tevere, sono il cuore di Roma. Secondo la tradizione la città fu fondata da Romolo sul Palatino (Mons Palatinus): in effetti l'archeologia ha restituito importanti reperti molto antichi sia sul colle che sulle sue pendici verso il Tevere (zona del Velabro) relativi ai primi insediamenti di tipo urbano. Più tardi nel IV secolo A.C. i romani costruirono le mura Serviane che comprendevano i tradizionali sette colli:

  • Campidoglio
  • Palatino
  • Celio
  • Aventino
  • Esquilino
  • Viminale
  • Quirinale.
Ultimo aggiornamento ( sabato 28 febbraio 2009 )