partecipiamo.it

Statistiche

Visitatori: 385564
Notizie utili
Passeggiata Romana PDF Stampa E-mail
Scritto da Santino Gattuso   
venerdì 26 giugno 2009

Passeggiando da San Giovanni a Santa Croce in Gerusalemme 




san_giovanni_e_mura_aureliane.jpg




 Estate Romana: Clicca per il calendario Eventi






campidoglio.jpg






Orgogliosi di essere romani


Sei Romano se saluti gli amici dicendo: “BELLA”..
· Sei Romano se vai a cena fuori con gli amici..e il conto se 'stecca' ..ALLA ROMANA.. ognuno er suo..

· Sei Romano se chiami gli amici usando questi termini: 'A Zì.. A Fratè.. A Cì..'

· Sei Romano se hai visto almeno una volta.. 'Il Marchese del Grillo' di Albertone.. e hai usato questa frase.. 'Perchè io sò io.. e voi nun siete n'cazzo'

· Sei Romano se mangi.. 'Bucatini all'amatriciana'..'Carbonara'..'Coda alla vaccinara'..'Saltimbocca alla Romana'..'Trippa'..'Cotiche coi facioli'.. e bevi.. Romanella come fosse acqua..

· Sei Romano se durante cene alla fraschette.. durante feste.. durante un viaggio.. o insomma quando te va.. cominci a intonare a squarciagola.. 'Ma che ce fregaaaaaa...ma che ce 'mportaaa...'

· Sei Romano se sei costretto a passare l'estate a Ostia o Torvaianica.. e non vedi l'ora di avere le ferie.. per andare in un mare più pulito dove provi l'ebrezza de vedè almeno una volta i piedi quando te fai il bagno....e non te pare vero!!!!

· Sei Romano se appena senti nominare il numero 23.. ti viene automatico esclamare.. 'BUCIO DE CULOOOOOOO!!'

· Sei Romano se usi 'ER' davanti ai nomi.. soprannomi.. cose..ecc.. 'ER MOLLICA'..'ER GATTO..'

· Sei Romano se hai visto almeno la maggior parte dei film di Carlo Verdone.. Christian De Sica.. e Thomas Milian.. (ER MONNEZZA)

· Sei Romano se hai tutti i cd di Venditti e conosci a memoria.. 'Roma Capoccia'..

· Sei Romano se vai al Nord e parli col tuo accento pure se non ti capiscono..

· Sei Romano se hai la macchina modificata.. e ogni tanto dici ai tuoi amici.. “Ahò stasera annamo a tirà?” o vai a fare le corse all’obelisco..

· Sei Romano se chiami quello sopra “COATTO”

· Sei Romano se quando si parla di città d’arte.. tu tiri fuori Roma e ovviamente citi il Colosseo!!!

· Sei Romano quando vai al Colosseo solo per stare lì ad ammirarlo.. e magari gli fai una foto.. Perchè anche se è sempre uguale.. ogni volta te sembra più bello!!

· Sei Romano se vai allo stadio con la sciarpa fuori dal vetro.. e durante il tragitto cominci a suonare col clacson agli altri tifosi che incroci per strada…

· Sei Romano se insulti i milanesi dicendo.. “A MILANO..C’AVETE SOLO LA NEBBIA..” oppure.. “ROMA CAPITALE MILANO SUCCURSALE”

· Sei Romano se ODI MILANO E I MILANESI FIGHETTI…

· Sei Romano se vai a Via del Corso.. ma solo per guardare le vetrine.. perché sai che tanto in quei negozi non comprerai mai NIENTE!! (è un privilegio dei giapponesi)

· Sei Romano se hai visitato molti meno posti di Roma.. di un qualsiasi turista!!

· Sei Romano se de notte prima de tornà a casa passi da Orfeo er paninaro.. e te fai un panino con hamburger, pomodori, mozzarella, mais, tonno, insalata, peperoni, patate, maionese, ketchup, olive, salsa rosa e funghi..!

· Sei Romano se vai in giro co la collana d’oro al collo che pesa + de te.. solo perché fa molto coatto..

· Sei Romano se vai in giro co la musica a palla in macchina.. che tra un po’ te scoppiano pure i vetri..

· Sei Romano se guardi quello di prima e dici: CHE COJONE!!

· Sei Romano se hai comprato almeno una volta i vestiti a via Sannio…

· Sei Romano se passi l’estate tra i locali di Ostia a ballare o al RomaEstate..

· Sei Romano se quando stai nella tua città ti lamenti del traffico, dello smog, dell’immigrazione.. e poi quando vai fuori te la tiri.. e ne parli come fosse la città più bella del mondo!

· Sei Romano se ti segni all’università solo perché poi ti imbuchi alle varie feste..

· Sei Romano se la gente quando vai in altre città ti dice.. “Daii sei di Roma?? Dì qualcosa che mi piace come parli..”

· Sei Romano se vai al mare e non ti metti la crema pe fa er coatto e poi la sera usano la schiena tua pè cucinà..

· Sei Romano se quando dici “MA LI MORTACCI TUA”.. “spesso” non è in modo offensivo..

· Sei Romano se hai un soprannome che ti danno gli amici..

· Sei Romano se quando racconti una qualsiasi cosa.. strilli a alta voce..per attirare l’attenzione e in modo che tutti ti possano sentire.. e poi gesticoli, ti dimeni e racconti tutto fomentato come se stai a parlà di uno scontro faccia a faccia co no squalo dal quale sei uscito vincitore..

· Sei Romano se tagli tutti i verbi!! (dormì.. cantà.. magnà..)

· Sei Romano se hai sempre la battuta pronta…

· Sei Romano se hai sempre 1 sorriso e 1 aiuto per gli amici..

· Sei Romano se hai usato almeno 1 volta in vita tua questi detti: “TIRA Più ‘N PELO DE **** CHE ‘N CARRO DE BUOI ‘N SALITA!” “ A CHI TOCCA NSE NGRUGNA” “CHI MENA PE PRIMO MENA DDU VORTE”

· Sei Romano se quando stai in fila in mezzo al traffico cominci a suonare il clacson.. o strilli con tutti..

· Sei Romano se per chiamare gli amici dici “REGàààààààààààààààààà”

· Sei Romano se usi queste parole con 1amico quando siete in ritardo: “DAJEEE.. MOVITE.. SBRIGATE..”

· Sei Romano se quando vai in un paese dove non conosci nessuno e trovi 1 altro romano, ci parli come se siete amici d’infanzia..

· Sei Romano se usi dire “ROMA CAPUT MUNDI”

· Sei Romano se vai al Nord e col sorriso dici che vieni da Roma..

· Sei Romano se vai a ballare solo quando il PR della discoteca è un tuo amico che ti mette in lista e quindi entri gratis

· Ma sei Romano soprattutto perché sei fiero della tua città.. della storia e tutti i monumenti.. degli storici personaggi romani che hanno lasciato il segno.. e non ti vergogni mai di dire da dove vieni, anzi ne vai orgoglioso! Quando la esalti per il modo di parlare, di mangiare, di vivere.. e perché nonostante tutto.. anche se vorresti scappare su un’isola tropicale a volte.. sai che non lasceresti mai questa splendida CAPITALE che è ROMA!

 lupa_capitolina.jpg





Antica Roma: 5 miti da sfatare




Laura Losi 




La romanità non passa mai di moda, come provano le attuali produzioni cinematografiche in tema che, in molti casi, hanno contribuito ad alimentare miti e leggende che hanno uno scarso o nullo fondamento storico. Dal pollice verso al vomito post-banchetto, ecco una carrellata delle più famose bufale antico-romane.




Il pollice verso


 

In merito al celebre gesto dell’imperatore di girare il pollice in alto o in basso a seconda della sua volontà di voler risparmiare o meno la vita di un gladiatore (illustrato, tra l’altro, dal drammatico dipinto del 1872 di Jean-Léon Gérôme), le fonti sono molto discordanti; quello che è certo è che il pollice verso non significava sicuramente la sentenza di morte, anzi, è probabile che questa venisse decretata dal pollice all’insù.




L’incendio di Roma



La colpa del celebre incendio avvenuto il 18 luglio 64 viene spesso addossata all’imperatore allora in carica, Nerone, attribuendogli peraltro motivazioni spietate a ai limiti della follia come cercare una fonte di ispirazione per una composizione poetica. In realtà, la tesi dell’origine accidentale dell’incendio è quella maggiormente accreditata dalla moderna storiografia.



Vomitare ai banchetti



La leggenda vuole che i patrizi romani vomitassero durante i loro celebri e lussuosi banchetti, allo scopo di poter ricominciare quanto prima ad abbuffarsi. Questa bufala trae origine da locali chiamati vomitoria: in effetti questi erano dei passaggi che permettevano alle persone di raggiungere rapidamente i loro posti in un anfiteatro.



I romani indossavano la toga


 


Nell’immaginario collettivo l’antico romano indossa sempre la toga. In realtà, la toga era considerato un capo estremamente formale, più o meno come pensare che l’uomo contemporaneo indossi sempre il completo e la cravatta o addirittura lo smoking. Secondo Giovenale, molto uomini non indossavano una toga per tutta la vita. Il capo più diffuso era invece la tunica, che veniva indossata in tagli diversi sia dagli uomini che dalle donne. La toga era un abito così importante che solo chi godeva della cittadinanza romana poteva indossarla.




Tu quoque Brute fili mi



L'espressione attribuita a Giulio Cesare in punto di morte non trova riscontro nemmeno nella letteratura latina. Alcune fonti riportano invece questa frase in greco, che all’epoca era la lingua dominante a Roma - e Cesare stesso era bilingue. Se anche il contenuto della frase fosse stato questo, è molto probabile che sarebbe stato pronunciato in greco. A questo proposito un’altra leggenda da sfatare è quella che vuole Bruto “figlio” di Cesare: si trattava in realtà dell’amico prediletto dell’imperatore, il quale era peraltro innamorato della madre di Bruto, Servilla.




Apprausi - GIGI 



Nun so si l’ho capiti tutti bene
sti battimano che sentimo spesso
ne le piazze, ar teatro, ne l’arene…
Bisse vor dì: risonace lo stesso.

La clacche, ‘nvece, è quanno, su le scene,
l’attore, un po’ sbruffone, mica fesso,
se compra la pratea, che lo sostene
e ‘nvece de ‘n ber fiasco fa ‘n successo.

Apprausi ‘n piedi, detti n’ovazzione,
vonno dì ‘n consenzo eccezzionale.
Pestà li piedi doppo ‘na lezzione

e urlà bravo vordì ch’è gnente male.
Ma adesso, de ched’è dimostrazzione
batte le mano puro a’n funerale?
 

Ultimo aggiornamento ( venerdì 06 aprile 2012 )