partecipiamo.it

Statistiche

Visitatori: 385715
Fontane
La Fontana di Trevi - a cura di Graziana Morcaldi PDF Stampa E-mail
Scritto da Santino Gattuso   
domenica 25 dicembre 2011
la_fontana_di_trevi.jpg

La Fontana di Trevi compone uno degli scenari più famosi del mondo.

Domina la piazza di Trevi, e costituisce una delle mete turistiche più visitate della città. È inoltre la fontana più grande di Roma.

Fu costruita nel 19 a.C. e voluta da Marco Vipsanio Agrippa, che decise di costruire un lungo canale per portare acqua a Roma.

L’opera fu sostituita per volere del papa Clemente XII, nel 1732, e costruita ad opera di Nicola Salvi.

I lavori durarono 30 anni e vennero conclusi sotto il papato di Clemente XIII, nel 1762.

Il 19 ottobre 2007 l'attivista italiano d'avanguardia futurista Graziano Cecchini , per protesta contro il mercato globale, ha rovesciato del colorante a base di anilina nelle sue acque, che si sono immediatamente tinte di rosso. Tuttavia, la sera stessa

 la Fontana di Trevi era già stata ripulita e riportata allo stato precedente in quanto il colorante non era tale da intaccare i marmi, come inizialmente temuto.

La fontana di Trevi è celebre per una leggenda, secondo la quale chi beve la sua acqua o getta una moneta nella vasca, si assicura il suo ritorno a Roma. Ancora oggi la fontana si riempie di monete di ogni nazione.

Le origini della tradizione sono sconosciute, ma si pensa potrebbe derivare dall'antica usanza di gettare nelle fonti sacre oboli o piccoli doni per propiziarsi la divinità locali, come per i pozzi dei desideri.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 06 aprile 2012 )
 
La Fontana del Nettuno - a cura di Graziana Morcaldi PDF Stampa E-mail
Scritto da Santino Gattuso   
venerdì 23 dicembre 2011
la_fontana_del_nettuno.jpg

La Fontana del Nettuno è una delle tre fontane poste in Piazza Navona.

È anche detta Fontana del Calderai.

La Fontana non subì alcun cambiamento fino al 1873, quando il comune di Roma bandì un concorso a premi di 5000 lire per il miglior progetto  di gruppi scultorei e decorativi per abbellire la Fontana del Nettuno e creare una consonanza stilistica con le altre due fontane presenti a Piazza Navona: Fontana del Moro e Fontana dei Fiumi.

Vennero quindi aggiunti alla fontana “Le Nereidi con putti e cavalli marini” ad opera di Gregorio Zappalà e “Nettuno lotta contro una piovra” di Antonio della Bitta.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 06 aprile 2012 )
 
La Fontana dei Quattro Fiumi - a cura di Graziana Morcaldi PDF Stampa E-mail
Scritto da Santino Gattuso   
martedì 20 dicembre 2011
la_fontana_dei_quattro_fiumi.jpg

La Fontana dei Quattro Fiumi è uno dei monumenti più belli della Roma barocca. Si trova all’interno di Piazza Navona.

Fu voluta da papa Innocenzo X che salì al pontificato nel 1644. Il palazzo di famiglia del papa si trovava (come ancora oggi) proprio in Piazza Navona, e il volere della fontana fu per sostituire una vasca quadrangolare che serviva come abbeveratoio per i cavalli, e dare un aspetto più dignitoso alla piazza.

Il progetto fu affidato a Gian Lorenzo Bernini, il quale fece costruire quattro grandi fiumi della terra, a simboleggiare come dai quattro angoli del mondo allora conosciuti, ci si rivolgesse a sostenere e ad ammirare la potenza della chiesa. I fiumi sono il Danubio, il Nilo, il Gange e il Rio della Plata.

Secondo l'iscrizione voluta da Innocenzo X, il monumento intende magnificamente offrire "salubre amenità a chi passeggia, bevanda a chi ha sete, occasione a chi medita".

Dopo un lavoro molto lungo, alla Fontana dei Quattro Fiumi venne finalmente data l’acqua il 12 giugno 1651. La costruzione costò al popolo romano l’aumento di tasse sul pane, sul vino e analoghi generi di consumo.

Nel 2009, la Fontana dei Quattro Fiumi terminò di essere restaurata, dopo due anni di lavori. La fontana era in pessime condizioni sia per cause atmosferiche sia per la gran quantità di escrementi dovuti alla massiccia presenza di piccioni nella piazza. Per questo motivo è stato  installato un impianto, assolutamente invisibile ai visitatori, che, emettendo piccole cariche elettriche, impedisce ai volatili di avvicinarsi, limitando quindi gli effetti della loro presenza.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 06 aprile 2012 )
 
La Fontana del Moro - a cura di Graziana Morcaldi PDF Stampa E-mail
Scritto da Santino Gattuso   
sabato 17 dicembre 2011
la_fontana_del_moro_copy.jpg

La Fontana del Moro è situata all’interno di Piazza Navona.

Il nome si dice sia dovuto al gruppo scultoreo della vasca rappresentante un etiope in lotta con un delfino.

La Fontana fu scolpita nel 1654 d.C. da Giovanni Antonio Mari su disegno di Bernini, durante il pontificato di Gregorio XIII Boncompagni.

La Fontana del Moro fu completamente rinnovata nel 1653, e poi di nuovo nel 1874.

I tritoni che vediamo oggi non sono gli originali, eseguiti da vari scultori del '500. I tritoni originali vennero infatti spostati nel 1874 nel giardino del lago di villa Borghese. Quelli attuali sono copie, eseguite da Luigi Amici.

La notte del 3 settembre 2011 la fontana venne danneggiata da un atto vandalico, ma venne restaurata già alla fine dello stesso mese.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 06 aprile 2012 )