partecipiamo.it

Statistiche

Visitatori: 385686
Gioacchino Belli
Lo Specchio der Governo PDF Stampa E-mail
Scritto da Fiorella Cappelli   
venerdì 27 gennaio 2012
governo.jpgLo Specchio der Governo

Quanno se vede ch’er Governo nostro
cammina senza gamme*, e tira via:
quanno se vede che manco Cajostro**
saprebbe indovinà che cosa sia:

quanno er Zommo Pontefice cià mostro***
che qualunque malanno che se dia
s’abbi d’arimedià co un po’ d’inchiostro.
co un po’ d’incenzo e quattro avemmaria:

quanno se vede che lo Stato sbuzzica,****
e ch’er ladro se succhia tutto er grasso,
e ‘r Governo lo guarda e nu lo stuzzica;

tu allora che lo vedi de sto passo,
dì ch’er Governo è simil’ a una ruzzica,*****
che curre curre sin che trova er zasso.

G.G.Belli          Roma, 28 dicembre 1832


•    Gambe.
•    **Giuseppe Balsamo,siciliano,cognominato Cagliostro, famoso impostore del sec.XVIII.
•    ***Mostrato.
•    ****Il buzzico è qui un piccolo vaso da olio, per uso giornaliero di famiglia. Quindi il verbo stuzzicare, cioè versare o, sparger (nel caso nostro) denaro.
•    ***** Ruzzola, disco.




Da: I Sonetti – Vol.II Feltrinelli UE 486
Prima Edizione Maggio 1965

Inserita da : Fiorella Cappelli
Ultimo aggiornamento ( mercoledì 01 febbraio 2012 )
 
Gioacchino Belli - La bocca della verita' PDF Stampa E-mail
Scritto da Santino Gattuso   
sabato 07 gennaio 2012

bocca_della_verita.jpg

In d'una chiesa sopra a 'na piazzetta
Un po' più ssù de Piazza Montanara
Pe la strada che pporta a la Salara,
C'è in nell'entrà una cosa benedetta.

Pe tutta Roma quant'è larga e stretta
Nun poterai trovà cosa ppiù rara.
E' una faccia de pietra che tt'impara
Chi ha detta la bucìa chi nu l'ha detta.

S'io mo a sta faccia, c'ha la bocca uperta,
Je ce metto una mano, e nu la striggne,
La verità da me tiella pe certa.

Ma ssi ficca la mano uno in bucìa,
E' sicuro che a ttìrà né a spiggne
Quella mano che li nun vié ppiù via.

Ultimo aggiornamento ( sabato 07 gennaio 2012 )