partecipiamo.it

Statistiche

Visitatori: 385909
Trilussa - L’URTIMO DELL’ANNO PDF Stampa E-mail
Scritto da Santino Gattuso   
sabato 31 dicembre 2011

capodanno-roma.jpg

L’URTIMO DELL’ANNO

 

Nina, l’anno è finito. Io t’ho ingannato

Ma adesso tu me tenghi in de le pene;

Tiramo via! Finiscele ‘ste scene

de gelosia: quelo ch’è stato è stato.

 

Nun te lo nego, no, m’ero accecato;

Ma però t’ho vorsuto sempre bene:

chiedeme er sangue, ch’io m’opro le vene,

basta che dichi che m’hai perdonato.

 

Dimmela ‘sta parola, anima bella,

dimmela, angelo mio consolatore,

rifamme la boccuccia risarella!

 

L’hai detta?...Si?...Ma perché tant’adacio?

Dilla più forte che m’arivi ar core:

cusì, cusì, viè qua, damese un bacio!

Trilussa

Ultimo aggiornamento ( sabato 07 gennaio 2012 )
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Pros. >