La Stretta De Mano
Scritto da Fiorella Cappelli   
giovedý 26 gennaio 2012
uomini.jpgLA STRETTA DE MANO

Quella de dà’ la mano a chissesia
nun è certo un’usanza troppo bella:
te po’ succede ch’hai da strigne quella
d’un ladro, d’un ruffiano o d’una spia.

Deppiù la mano, asciutta o sudarella,
quanno ha toccato quarche porcheria,
contiè er bacillo d’una malatia
che t’entra in bocca e va ne le budella.

Invece, a salutà romanamente,
ce se guadagna un tanto co’ l’iggene
eppoi nun c’è pericolo de gnente.

Perché la mossa te viè a di’ in sostanza:
-    Semo amiconi…se volemo bene…
ma restamo a una debbita distanza - .

Trilussa  
(da TRILUSSA LIBRO N.9 A.Mondadori- Milano 1930)

Inserita da Fiorella Cappelli
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 01 febbraio 2012 )